CIPRO: PAFOS E NICOSIA - Cosa vedere

Tempio di Apollo, rovine

Tempio di Apollo, rovine

Statua di Afrodite a Cipro

Statua di Afrodite a Cipro

Chiesa, Cipro

Chiesa, Cipro

 

CIPRO: PAFOS E NICOSIA - CODICE ISPIRAZIONE DI VIAGGIO: HV4CYS378

Nicosia, capitale e centro dell’economia di Cipro, è divisa in due da una linea verde che separa “le due Nicosie“, quella turca e quella greca. Il confine di demarcazione tra le due zone, infatti, è chiamato Green Line ed è composto da fili spinati e da alcuni tratti di vere e proprie mura. Nonostante la divisione tra ricchi e poveri, la città non perde il suo fascino turistico con le bellezze greche, i monasteri e la ricca archeologia.

Fu fondata dai Greci subito dopo la guerra di Troia e conserva le tracce del periodo greco classico e le testimonianze dell’architettura gotica. Il centro storico è circondato dalle mura veneziane che sono caratteristiche per la pianta stellare con undici bastioni e tre porte. La porta a nord, Porta di Kyrenia, la porta ad ovest, Porta di Pafos, e la porta ad est, Porta Giuliana che presenta una bellissima facciata con un passaggio a volta. Dopo il restauro, questa porta, è diventata la sede dove si tengono spettacoli e conferenze. Laiki Geitonia è un quartiere dove il tempo sembra essersi fermato, con i vicoletti sui quali si affacciano balconi in ferro battuto delle tipiche case, i bazar di artigianato, le taverne e i tanti caffé. A nord della città si trova Buyuk Han, un meraviglioso caravanserraglio, esempio di architettura ottomana, che serviva per accogliere mercanti e viaggiatori durante la notte. Al centro del cortile si trova una moschea con una fontana per le abluzioni. Divenne la prima prigione della città, poi fu trasformato in un ostello per famiglie povere, mentre ora vi sono diversi caffè e negozi di souvenir. Conosciuta anche come Cattedrale di Santa Sofia, è la principale moschea della città. Ospitata nella più grande e antica chiesa gotica, sembra che sia nata su resti di una cattedrale bizantina.

Il Museo archeologico vanta una collezione di reperti archeologici che vanno dall’epoca Neolitica all’Età del Bronzo, dal periodo Ellenistico a quello Miceneo e da quello Greco Romano fino al primo periodo Bizantino. Il museo espone: ceramiche, monili, sculture e monete. La capitale cipriota è, quindi, pronta ad ospitarvi per farvi scoprire il suo magnifico passato. 

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Privacy Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy.
OK